Magazine, Novità dal mondo del vino

Cosa hanno fatto e fanno i produttori nel periodo Covid e post Covid

Diventare più digitali:

le aziende vinicole possono ancora vendere e soddisfare i loro ordini online e infatti stanno ampliando la loro presenza in questo business.
Non solo gli ordini HORECA, le cantine stanno anche facendo quello che viene chiamato “ordina e ritira”, ma soprattutto sono presenti su piattaforme on-line, per arrivare anche e direttamente al mercato del dettaglio.

 

  1. Chiusura temporanee:

circa il 20% dei produttori sta pianificando di chiudere temporaneamente, in quanto potrebbe essere la migliore linea d’azione. Dato che la stagione di raccolta è quasi volta al termine, le aziende vinicole pensano che sarebbe il modo migliore per risparmiare sui costi. Ovviamente lasciando sempre operative le aree ancora produttive, in questo caso la “cantina” ed il “commerciale”; ammortizzando così una serie di spese che al momento risultano difficilmente sostenibili. La buona notizia è che metà delle aziende vinicole che stanno pianificando di chiudere per i prossimi 1-2 mesi NON stanno pianificando licenziamenti.

 

  1. Circa il 9% delle cantine imbottiglia di più in questo momento e spedisce di più per soddisfare gli attuali ordini. Fondamentale, adesso, è “svuotare” i magazzini, fare cassa ed investire su nuovi canali di vendita e nuovi business.

 

  1. La quarta cosa che emerge è di servire gli attuali clienti al dettaglio.

 

Altre cose che stanno facendo le cantine includono:

 

► Concentrarsi sulla vendita al dettaglio mentre i ristoranti sono fuori servizio.

 

► Crescita dei canali digitali già attivi.

 

► Creare una nuova piattaforma di vendita insieme a piccole imprese locali. Piattaforma online con opzioni di consegna a domicilio.

 

► Tour di degustazione virtuali e digitali e pacchetti di casi selezionati.

 

► Più presenza virtuale

 

► Una volta che questo sarà finito, ci sarà un’enorme corsa agli eventi poiché le persone sono libere di tornare alla vita normale e vorranno vivere esperienze piacevoli.

 

► Concentrarsi sull’indirizzamento di tutto il traffico al Web per le vendite online e includere incentivi per la spedizione, creando partership con specialisti del settore.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *