Il mito Ferrari nasce da un uomo, Giulio Ferrari, e dal suo sogno di creare in Trentino un vino capace di confrontarsi con i migliori Champagne francesi.
È un pioniere: è lui che per primo intuisce la straordinaria vocazione della sua terra, lui che per primo diffonde lo Chardonnay in Italia.
Comincia a produrre poche selezionatissime bottiglie, con un culto ossessivo per la qualità.
Fra i tanti pretendenti sceglie Bruno Lunelli, titolare di un’enoteca a Trento. Grazie alla passione e al talento imprenditoriale, Bruno Lunelli riesce a incrementare la produzione senza mai scendere a compromessi con la qualità. In questi anni vedono la luce alcune delle etichette destinate a entrare nella storia: sono il Ferrari Rosé, il Ferrari Perlé e il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore.
Oggi Marcello, Matteo, Camilla e Alessandro guidano l’azienda insieme a un team straordinario con l’obiettivo di innovare nel solco della tradizione, portando Ferrari nel mondo quale ambasciatore dell’Arte di Vivere Italiana.
1906: le bollicine Ferrari si aggiudicano la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Milano. È solo il primo di tanti, prestigiosi riconoscimenti che sanciranno la qualità di una produzione d’eccellenza.

Ogni anno le più importanti guide del settore consacrano il Trentodoc della famiglia Lunelli ai vertici della produzione italiana. Wine Spectator, la bibbia internazionale del vino, definisce Ferrari “il più grande, il più antico e il più celebrato produttore di spumante Metodo Classico […] che crea millesimati che reggono il confronto con le più prestigiose e costose etichette di Champagne”.

Visualizzazione di 7 risultati